cavitazione
26/9/2015

Che differenza c’è tra la cavitazione fatta dal medico e quella fatta dall’estetista?

Categoria:

La domanda apparentemente legittima è la seguente: “Perchè dovrei spendere di più per farmi la cavitazione dal medico-estetico quando posso fare lo stesso identico trattamento dall’estetista pagando di meno?”… Ecco la parola chiave : identico.

In realtà i due trattamenti non sono affatto identici in quanto i macchinari in dotazione al medico-estetico sono completamente diversi da quelli utilizzati dall’estetista : sarebbe come dire che volare su un Jumbo-jet è identico al volo che si fa su una giostra… Giusto per approfondire il discorso a questo punto è necessario un breve memento su cosa è la cavitazione e come funziona.

La cavitazione è un fenomeno fisico consistente nel passaggio dell’acqua dallo stato liquido a quello gassoso. Affinchè  ciò accada vengono utilizzati gli ultrasuoni (onde meccaniche) con frequenza maggiore di 20 kHz (20 mila cicli al secondo).

Gli effetti di tali ultrasuoni sui tessuti sono:

a) Micromeccanico tramite le vibrazioni indotte,
b) Termico con surriscaldamento indotto dall’attrito generato,
c) Cavitazione, cioè l’implosione delle bolle di gas generate dall’acqua presente nel tessuto adiposo trattato

In sostanza, quindi, le compressioni e decompressioni attuate dagli ultrasuoni generano l’implosione delle microbolle di gas generate dell’acqua del tessuto creando una disgregazione graduale delle cellule adipose circostanti. In tal modo il grasso contenuto negli adipociti stravasa nell’interstizio cellulare e, attraversi il circolo linfatico, giunge a fegato e reni tramite i quali viene escreto. Il risultato finale è una riduzione del volume del tessuto adiposo.

Affinchè ciò avvenga è indispensabile che l’apparecchio generatore di ultrasuoni oltre ad una potenza adeguata utilizzi ultrasuoni con frequenze tra i 30 kHz e i 40 kHz (ULTRASUONI A BASSE FREQUENZE) in quanto frequenze più alte non ottengono l’effetto “cavitazione” e quindi il risultato estetico ricercato. ECCO LA DIFFERENZA: solo il medico può dotarsi di tale apparecchiatura a bassa frequenza in quanto la legge (DECRETO 12 maggio 2011 , n. 110 in tema del regolamento di attuazione dell’articolo 10, comma 1, della legge 4 gennaio 1990, n. 1, relativo agli apparecchi elettromeccanici utilizzati per l’attività di estetista) specifica che l’estetista può usare solamente macchinari per cavitazione che producono ultrasuoni tra 0,8 MHz e 3,5 MHz (ULTRASUONI AD ALTE FREQUENZE), cioè frequenze poco utili allo scopo estetico di andare a colpire il grasso, ma in grado solo di effettuare un lieve drenaggio locale dei liquidi.

Alla luce di ciò quindi il medico usa le basse frequenze che vanno in profondità nei tessuti e determinano un grande effetto estetico, l’estetista per legge può usare solo le alte frequenze che rimangono in superficie con risultati deludenti.

MA PERCHE’ QUESTA NORMATIVA RESTRITTIVA PER LE ESTETISTE?..è ovvia la domanda: ci tenete alla vostra salute? Gli ultrasuoni a bassa frequenza (che può usare solo il medico) e che realmente hanno effetto estetico sono anche estremamente potenti e potenzialmente nocivi! Usarli senza avere solide basi di ANATOMIA e FISIOLOGIA del nostro corpo può creare dei danni irreparabili agli organi interni. Inoltre in alcuni casi (con determinate patologie in atto del soggetto) non vanno proprio utilizzati per evitare complicanze anche gravi. Alla luce di quanto esposto, quindi, mi pare giusto che sia solo il medico e nessun altro a poter usare tale “potenza di fuoco” efficace ma anche potenzialmente pericolosa se messa in mani inadeguate.

Ora aggiungo: tutti sono liberissimi di fare un trattamento di cavitazione dall’estetista pagandolo magari 10 o 20 euro in meno rispetto a quello fatto dal medico, l’importante è però non lamentarsi dopo se gli effetti sono scarsi o addirittura assenti. Inoltre, se vedete un’estetista usare illegalmente su di voi un macchinario che solo un medico può usare sappiate che non sta “solamente” compiendo un grave reato (esercizio abusivo della professione medica), ma anche che con quello strumento rischia di procurarvi danni seri alla vostra salute, visto che l’estetista (anche la più brava) non ha le competenze scientifiche necessarie per poter usare quel macchinario a basse frequenze!… Vi fareste fare una TAC da una persona che non sia un medico? Credo proprio che no! Lo stesso vale per la cavitazione medica che apparentemente appare un trattamento semplice, ma non fatevi ingannare: una cavitazione medica, illegalmente in mano ad una estetista (reato come tale), può determinare gravi ed irreversibili danni al vostro corpo (ad esempio sterilità, lesioni agli organi interni fino ad emorragie potenzialmente mortali).

A voi la scelta….