Trattamento dei capillari (Teleangectasie)

Uno degli inestetismi più diffusi sia negli uomini che (principalmente) nelle donne è rappresentato dai capillari (Teleangectasie). In realtà però non ci troviamo di fronte a “capillari” veri e propri, bensì ad un reticolo di forma ed estensione varie la cui componente è costituita da piccole vene dilatate, cioè da vere e proprie piccolissime vene varicose molto sottili ( dette quindi anche microvarici o teleangectasie). Il diametro di queste microscopiche vene va da 0,1 a 1 mm, ma talvolta può essere anche superiore. I veri capillari sono, a dire il vero, molto più sottili e non sono visibili ad occhio nudo.

Cause delle Teleangectasie

In base alle cause esiste anche una classificazione delle Teleangectasie:

  • Teleangectasie causate da disordini ormonaliesse si localizzano sulla superficie delle cosce, di frequente compaiono nel menarca, durante la menopausa, la gravidanza o con l’utilizzo della pillola anticoncezionale.
  • Teleangectasie da insufficienza venosa : esse sono accompagnate da sintomi di insufficienza venosa ed associate di solito associate ad altri tipi di varici. La loro localizzazione è prevalentemente sul dorso del piede, dietro al malleolo, sulle gambe specialmente sulle cosce.
  • Teleangectasie finissime causate da fragilità del sistema capillare : esse sono provocate dai raggi UV, dal calore o dal freddo. e si localizzano prevalentemente verso la fine delle gambe e sul viso.
  • Teleangectasie da matting : esse compaiono dopo l’iniezione delle terapie sclerosanti o successivamente ad interventi di flebectomia, e sono causate da una tecnica di intervento non corretta (es. se il liquido iniettato è troppo concentrato o se viene iniettato troppo velocemente o se ne viene inettato troppo, ecc).
  • Teleangectasie da stress meccanico o termico : esse compaiono in seguito a manovre maldestre di premitura (ad esempio nelle cosiddette pulizie del viso) o trauma diretto o repentini sbalzi di temperatura (caldo-freddo e viceversa). Esse sono localizzate prevalentemente sul viso specialmente alla radice del naso e sulle guance.

Vale la pena ricordare che le terapie ormonali, l’obesità, la familiarità sono fattori predisponenti.

Terapia delle Teleangectasie

Date le piccole dimensioni delle Teleangectasie la Fotocoagulazione Laser rappresenta la terapia d’elezione. Tra i Laser più validi c’è sicuramente il Laser Nd-Yag 1064nm con ottiche specifiche per le gambe e per il volto (diverse in quanto il livello da raggiungere per fotocoagulare il capillare è situato a profondità diverse tra il volto e le gambe). Il numero di sedute necessarie per ogni zona trattata varia da 2 a 5 con cadenza mensile, evitando i mesi estivi. Per alleviare i fastidi del trattamento si può applicare una crema anestetica 1 ora prima. Durante l’esecuzione della tecnica si può utilizzare aria fredda prodotta da un apparecchio Cryo onde dare massimo comfort al paziente. Successivamente, per i successivi 4/5 giorni dopo il trattamento si applicheranno pomate emollienti, idratanti ed antinfiammatorie. Come per tutti i trattamenti Laser vanno evitate lampade abbronzanti ed esposizioni solari nelle 3 settimane antecedenti e successive la seduta.

Per alcuni casi clinici con foto del prima e dopo si rimanda alle apposite sezioni del VISO (<-link) e del CORPO (<-link) (per le gambe) presenti in questo sito.